Luoghi

Per garantire il rispetto della normativa anti covid-19, tutte le attività si terranno all’aperto e il pubblico potrà accedere solo su prenotazione, tramite canali dedicati. Così da garantire il contingentamento e la distanza minima di sicurezza. I luoghi scelti sono due e rappresentano il valore della natura e la declinazione contemporanea dell’arte e del design, nella città di Roma:

9 / 10 / 11 Ottobre 2020

Portuense 201

Microcosmo urbano di ideazione, produzione e generazione di un’estetica contemporanea. Era il 1912 quando Rosa Riccioni presentava il primo progetto per la realizzazione di una vaccheria all’interno del terreno di sua proprietà “fuori Porta Portese in via Portuense, località Fornetto”. Il cortile era composto da un corpo centrale adibito a vaccheria, un negozio fronte strada per la vendita del latte, una serie di corpi laterali per rimessaggio carri e la casa padronale al piano superiore. L’attività della vaccheria durò fino agli anni 50, negli anni a seguire il complesso ha ospitato laboratori artigianali e infine lasciato in disuso. Grazie alla volontà degli eredi dal 2011 il complesso è stato interamente recuperato riconvertendo gli spazi in una nuova formula culturale. Il contesto contadino ha dato spazio a un distretto culturale dove hanno sede studi e laboratori di diversa natura, unite dalla volontà di condividere nuove esperienze e progetti offrendo professionalità ed esperienza in ogni campo: arte, architettura, design, visual, food design, cinema e artigianato.
Portuense201 si inserisce in un’area che si espande dalla ex Mira Lanza alla ex zona industriale di Ostiense, in continuità con un’idea di recupero che ha investito le aree dismesse di una Roma un tempo sospesa tra la campagna e l’industria, e che ormai comprende numerose nuove realtà di rilievo internazionale.

9 Ottobre 2020 | Foraging dalle 9:00 alle 11:00

Parco della Caffarella

Luogo amato dai romani, con una storia e tradizioni che raccontano della forza della natura in un luogo urbano. Nella valle della Caffarella si specchia la storia di Roma, della città e della cultura, delle genti che l’hanno popolata e del territorio nel quale si sono insediate. Situata a ridosso delle Mura Aureliane e compresa fra due direttrici dell’antichità, la via Latina e la via Appia, la valle fu teatro di miti e leggende forse suggeriti dai morbidi rilievi che ne fanno un confine naturale, certo dalla presenza dell’Almone, piccolo affluente del Tevere, dai romani ritenuto fiume sacro sin dai primordi. Il Parco della Caffarella è conosciuto per la sua bellezza e la sua importanza, è infatti un’area di circa 300 ettari di Campagna Romana rimasta straordinariamente intatta; essa si trova subito a ridosso del centro storico e racchiude monumenti archeologici di eccezionale bellezza e importanza, si tratta quindi di un paesaggio archeologico unico.